Giada Salice

BB Mosaici – Borgo Campidoglio

Giada
Salice

BB Mosaici –
Borgo Campidoglio

“Il mosaico è un lavoro minuzioso di accostamento delle giuste cromie, proprio come azzeccare la propria strada con le proprie scelte e il luogo dove costruire il proprio futuro.
Quando fai quello che ti piace per lavoro ti puoi sentire fortunata.”

Sono entrata in contatto con il mondo del mosaico quasi casualmente, stavo cercando lavoro dopo un percorso scolastico non brillante e trovai lavoro in un grande laboratorio di mosaico della provincia di Pordenone, all’epoca, ovviamente, non lavoravo nel reparto di produzione dei mosaici, ma presto capii che quello era ciò che volevo fare.
Conclusa la mia esperienza lavorativa mi recai da un noto mosaicista per capire se poteva insegnarmi il mestiere e lavorare nel suo laboratorio per imparare tutto ciò che potevo.
Mi rispose che la cosa migliore da fare era frequentare la Scuola Mosaicisti del Friuli ed ottenere il diploma, che mi avrebbe permesso di lavorare anche autonomamente.
Grazie a questo oggi sono una “maestra mosaicista”.
Il mio rapporto con il mosaico è in bilico tra l’amore più totale e l’odio più profondo. Forse è proprio questo che alimenta il fuoco della passione che è acceso tra me e il mosaico. A volte penso: “chi me l’ha fatto fare?”. Poi un minuto dopo mi perdo nella contemplazione di uno degli infiniti mosaici sparsi per il mondo.

BB MOSAICI è un laboratorio artigianale in cui ogni pezzo è realizzato con passione e professionalità, un piccolo luogo di scambio tra l’arte musiva e altre professioni artigiane.
Nel mio atelier realizzo mosaici artistici a livello totalmente artigianale, dal piccolo gioiello al grande rivestimento musivo, tutto nasce nel mio laboratorio.

Sono approdata in Borgo Campidoglio in modo casuale, ho

trovato un dépliant che pubblicizzava spazi lavorativi concessi in locazione a prezzi agevolati. Ho contattato chi si occupava del progetto e sono venuta a visitare alcuni spazi. Quello che poi è diventato il mio atelier mi ha colpito subito, è stato amore a prima vista. Sono qui nel Borgo Vecchio da 5 anni ormai, e sono molto felice. Amo i suoi bassi caseggiati, le botteghe e i laboratori artigiani che lo rendono vivo. È come stare in un piccolo paese: conosci i tuoi vicini, hai continui scambi e veri rapporti, che non si limitano a scambi di saluti formali. Come nei piccoli paesi, questo si traduce a volte in vera sofferenza quando qualcuno che conosci viene a mancare improvvisamente.

Conosco la maggioranza degli artigiani che abitano il Borgo e con alcuni abbiamo anche instaurato un rapporto di amicizia oltre che di scambi a livello lavorativo. Siamo una grande risorsa per il Borgo.

Il Borgo avrebbe secondo me infinite possibilità di crescita. È ricco di storia, di cultura, di competenze, ma spesso non è non è facile coordinare tutti gli attori per costruire dei progetti condivisi e collettivi. Questa difficoltà tende a limitarne la crescita. Inoltre, purtroppo, ci sono troppe saracinesche abbassate, forse perché i proprietari di immobili preferiscono tenere vuoti dei locali piuttosto di concederli in affitto a prezzi più bassi. Penso che il Borgo Vecchio avrebbe grandi potenzialità se solo si riuscisse a valorizzare appieno tutto le sue risorse, potrebbe tranquillamente competere con altre zone di Torino considerate più cool ma che non hanno la stessa storia alle spalle.

Visita il sito di BB Mosaici