Luca Gaidano

Presidente Associazione Calza di cuoio  – Borgo Campidoglio

Luca
Gaidano

Presidente Associazione Calza di cuoio –
Borgo Campidoglio

“Grazie ad un testo letto da bambino scopro una comunità e una cultura, la cultura nativa americana.
Questa ha influenzato tutta la mia vita professionale.
Chiunque faccia qualcosa per la comunità trova il mio sostegno e la mia partecipazione.”

Un testo letto da bambino, che si intitolava “Indiani maledetti indiani” — un classico imperdibile della saggistica per ragazzi —, mi ha fatto innamorare della cultura dei Nativi Americani. Attraverso di esso ho scoperto una civiltà e una cultura su cui riflettere il mio modo di vivere e misurare l’importanza dei legami comunitari.
La mia passione per la lavorazione del cuoio nasce prima come un hobby, ma è diventata poi la mia professione effettiva. Dopo 41 anni, che lavoravo con il cuoio e facevo l’artigiano, ho deciso di creare un’associazione di promozione sociale, l’Associazione Calza di Cuoio. L’associazione riunisce produttori artigiani attivi in diversi ambiti il cui scopo è la promozione della storia, cultura e manufatti dei Nativi Americani e del Vecchio West e la trasmissione dei mestieri tradizionali collegati a questa cultura. Per questo organizziamo corsi, laboratori, eventi e la partecipazione a mostre e mercatini artigianali.

Per quanto riguarda la sede dell’associazione, non volevamo allestire la classica sede fissa, all’italiana, uno spazio puramente commerciale. Cercando la location ideale abbiamo scoperto Borgo Campidoglio. Mi è sembrato subito una realtà incredibile, un posto dalla dimensione umana adeguata, dove tutti si conoscono. Il luogo ideale dove creare uno spazio per organizzare e promuovere le nostre attività. Abbiamo scelto il Borgo, pur avendo visto numerosi locali in altri contesti.

La zona ci era sembrata quella ideale per la promozione e divulgazione di mestieri ormai in via d’estinzione. Nel nostro spazio, tramite la raccolta e l’esposizione di manufatti legati ai Nativi Americani e al Vecchio West emerge la cosa più importante del nostro progetto: la passione. Qui si trova solo il legno, il cuoio e materiali naturali, seguiamo un’etica ambientale di integrazione profonda con il contesto naturale. I Nativi Americani avevano affidato lo sviluppo della propria civiltà ad un’attenzione particolare per l’ambiente che li portava a vivere in armonia con la terra. I manufatti della raccolta sono tutti autentici che rifuggono la logica industriale dei falsi a tema e del souvenir esotico.

Mi reputo coraggioso perché ho molte paure ma, secondo me e secondo i Nativi Americani, il coraggio è la capacità di superare le proprie paure.
Per sviluppare le nostre attività secondo i nostri principi, con le tendenze che ora prevalgono, ci vuole tanto coraggio. Continuiamo per passione e consapevoli che chi lavora con due mani non potrà mai arricchirsi.
Borgo Campidoglio ci ha aiutato a ridimensionare le nostre paure.
Il Borgo emana calore, rispetto ad altre zone di Torino più curate e asettiche. Ci sono meno turisti e più abitanti. Tra questi si sono create e mantenute delle solide relazioni. Ci troviamo bene qui con tutti i vicini.

Visita il sito dell’Associazione Calza di cuoio